Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La parola al non-esperto

Sabato 25, alle ore 16:30, dedichiamo un panel della seconda edizione di Studio in Triennale (qui il programma completo) agli specialisti e ai non-specialisti. Di cosa? Di tutto. È un argomento che chiede ad alta voce semplicità, ma non è così semplice da spiegare a parole. Probabilmente perché è un argomento vasto, vastissimo. E infatti se ne occuperà Giuliano da Empoli, che sul tema ci ha scritto un libro, uscirà per Marsilio e si chiama, per l’appunto, Contro gli specialisti. Di che parla il libro? È un manifesto? Forse. Più o meno. È una rivendicazione, fors’anche. È una riflessione che coinvolge finanza, politica, economia, società: tutti ambiti in cui non c’è bisogno di tecnici, ossia di professori o professoroni, tutti ambiti in cui non esiste scienza esatta o esatta applicazione di un sapere già designato. È un’asserzione che fece, a suo tempo, il premio Nobel per l’economia del 2002, Daniel Kahneman, che introdusse il concetto di “ambienti a validità zero”: sono la politica e la società e simili, e sono definiti tali in base alla loro stessa natura, ovvero la completa imprevedibilità degli eventi che operano al loro interno. È impossibile, o comunque inverosimile, postulare delle leggi per tali situazioni (exit-poll elettorali, do you remember?). Gli unici decision maker davvero validi, in queste paludi di relativismo, non sono coloro che ostentano sapere, ma coloro che si presentano come sperimentatori, ché certezze non ce ne sono né possono esistere. Di questo parleremo: di “abbassare l’asticella della conoscenza”, di modestia, di “ridurre le aspettative”. Senza esperti, però.

 

Ne parleremo con:

Giuliano Da Empoli
presidente del Gabinetto Vieusseux, già assessore alla Cultura di Firenze, autore diContro gli specialisti (Marsilio).

Christian Rocca
direttore di IL, il mensile del Sole 24 Ore.

Andrea Romano
direttore di Italia Futura, parlamentare di Scelta Civica, consulente per la saggistica di Marsilio.

A moderare
Federico Sarica
direttore di Studio

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg