Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il Nonno e Putin

In pochi giorni, un po' di omicidi sospetti nella capitale russa. E una foto dal passato che imbarazza il premier.

Forse a Mosca sono stanchi di leggere quel che scrivono i tabloid ogni volta che un russo perde la vita in Gran Bretagna (è accaduto spesso negli ultimi anni e non s’è trattato sempre di disgrazie), così hanno deciso di regolare qualche conto a casa. La settimana scorsa un giovane manager di nome Artyom Suslov è stato aggredito da tre uomini nel centro di San Pietroburgo: Suslov lavora in teatro e organizza da qualche mese uno spettacolo ispirato a Lolita che ha ricevuto critiche abbastanza pesanti da gruppi conservatori. A quanto pare i tre lo hanno anche costretto a confessare di essere un pedofilo di fronte a una telecamera.

Passa qualche giorno e il direttore del Bolshoi di Mosca, Sergei Filin, affronta un uomo in strada che lo ferisce con l’acido. Ora si trova in ospedale e rischia di perdere la vista. Non è finita. Venerdì un cecchino ha uscito il boss dei boss della mafia russa, Aslan Usoyan, conosciuto con il nome di Ded Khasan (ded significa “nonno”), mentre usciva dal suo ristorante preferito con una bella donna bionda e una decina fra gorilla e colleghi. La storia di Ded Hasan è servita a tirare fuori questa fotografia, che ha almeno una ventina d’anni e ritrae il giovane il Putin con alcuni amici. Putin è il primo sulla sinistra, porta la giacca rossa e il magione a collo alto. Per alcuni giornalisti russi, però, il personaggio più interessante è quello al centro, quello con la felpa bianca: si dice che sia proprio il boss Usoyan, e se fosse vero la fotografia proverebbe i rapporti fra Putin e la mafia russa.

La cosa si è fatta talmente seria che è intervenuto persino il portavoce del Cremlino: non so chi sia quell’uomo, ha detto Dmitri Peskov al canale Dozhd Tv, ma è chiaro che non si tratta di Usoyan. E nessuno s’è sognato di mettersi a contare quante bottiglie di birra ci siano sul tavolo (sembrano nove) e quante fiasche di vodka (a prima vista almeno tre, ma poi ci sono anche quelle di whiskey sul fondo), e qui si gioca una buona parte della differenza fra la stampa russa e quella inglese.

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg