Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Antonio Polito: Italietta a chi?

Mentre la linea che separa gli anglofili dagli anti-italiani si fa sempre più sottile, Antonio Polito rivendica il diritto a collocarsi tra i primi ma non tra i secondi. A contestare Berlusconi come Presidente del Consiglio senza scadere nel cliché del “certe cose possono accadere solo in Italia.” Lui che ha cominciato a farsi un nome quando era corrispondente a Londra perRepubblica, che ha fondato e diretto per anni il Riformista: “Dobbiamo essere capaci di colpire senza mai gridare, come nei quotidiani anglosassoni,” ci ripeteva durante le riunioni di redazione della prim’ora, mentre riempiva di tabacco la sua pipa molto British.  ”E se becco qualcuno a sbagliare lo spelling di una parola inglese…”

Oggi Polito è editorialista del Corriere della Sera. La nostra chiacchierata parte proprio da un suo editoriale, pubblicato in prima pagina sul Corrieredi lunedì 18 aprile. In cui, rispondendo a un articolo di Tim Parks per il New Yorker secondo cui le “stravaganze” della politica italiana avrebbero le loro radici in un’Unità “fasulla e immeritata,” Polito rivendica il diritto a difendere l’immagine dell’Italia come una democrazia funzionante e matura, indipendentemente da (o nonostante) Berlusconi. “La polemica pubblica anti berlusconiana sconfina sempre più spesso in una contestazione delle basi stesse dello Stato democratico e unitario,” scrive Polito. “Come se solo in una nazione fallita potesse verificarsi un simile fenomeno politico.”

A quasi tutti gli italiani che sono stati di recente all’estero è capitato di sentirselo dire: “Come mai avete ancora Berlusconi?”

Già, è diventato una sorta di ritornello. Il problema è che sottintende un giudizio molto grave, secondo gli italiani sarebbero un popolo prono e l’Italia una non-nazione, nata da congiunture storiche prive di fondamento che dimostrerebbero la nostra mancanza di virtù civiche, la nostra capacità di sopportare dai governanti cose che altrove non sarebbero tollerate.

Ebbene, io mi ribello a questa interpretazione storica non vera. L’Italia ha dimostrato di essere capace di grandi momenti collettivi, dall’alluvione di Firenze al terremoto dell’Aquila, di episodi di riscatto nazionale, come durante la Resistenza e la nascita della Repubblica. Per non parlare del lungo periodo del miracolo economico, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, quando il mondo guardava esterefatto una nazione uscita distrutta dalla guerra risollevarsi in meno di 15 anni.

E se vogliamo parlare di presente, esistono regioni italiane dove le virtù civiche si collocano ai livelli dell’eccellenza europea: mi riferisco alla Lombardia, all’Emilia, o alla Toscana.

Già, però su un punto mi sembra difficile concordare con te: da noi non si accetta forse dai governanti cose che altrove in Europa sarebbero inaccettabili?

Davvero? Gli inglesi si sono fatti sculacciare per undici anni da Margaret Thatcher. C’è tutta una letteratura che sostiene che la Thatcher evocava la fantasia erotica dello spanking e che per questo gli inglesi continuavano a votarla: evidentemente questa perversione gli piaceva. Volendo, si può fare un’analogia con le barzellette sconce di Berlusconi  che piacciono agli italiani.

Poi, dobbiamo prendere atto che molto italiani non sopportano Berlusconi, lo votano perché gli piace. Poi c’è chi si tura il naso e lo vota perché, nel calcolo del dare e avere, un Berlusconi imbarazzante è sempre meglio dell’alternativa. E infine c’è chi si è stufato di turarsi il naso. Berlusconi è certamente più imbarazzante, più risibile, di molti governanti europei. Ma bisogna anche ammettere che molti tratti del berlusconismo sono stati copiati da altri leader europei. Vedi Sarkozy.

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg