Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Vantablack, il materiale nero e impossibile da vedere

Surrey NanoSystems, un’azienda inglese con base a Newhaven, nel Sussex, ha recentemente brevettato un rivestimento dalle caratteristiche più uniche che rare. Si tratta di un tessuto reticolare formato da nanotubi di carbonio, ognuno circa diecimila volte più sottile di un capello, che riescono a intrappolare la luce. Il colore del nuovo materiale, chiamato Vantablack e in grado di rilasciare soltanto lo 0,035% della luce assorbita, è un nero talmente intenso da risultare difficile da processare per l’occhio umano.

Per capirci, Vantablack, che è stato sviluppato su un foglio di alluminio e verrà impiegato per scopi militari e per tarare alcuni telescopi con cui si indagano i corpi siderali più longevi, rende indistinguibili forme e pieghe di ciò che ricopre. Ben Jensen, responsabile tecnico della Surrey NanoSystems, ha detto: «Ti aspetti di trovare avvallamenti e ciò che vedi… è nero, come fosse un buco, come se non ci fosse nulla lì. Alla vista è molto strano».

(via)

Nelle immagini: l’attrice Lella Satie in Jackie & Marilyn‏ e, sotto, il primo campione di Vantablack.
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg