Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Un programma radiofonico in cui si parla solo latino

Laura Nissinen è la presentatrice di Nuntii Latini dal 2003. Il nome del programma, in onda quotidianamente sul network finlandese YLE con aggiornamenti sulle principali notizie mondiali, segnala una sua caratteristica esclusiva: tutto il suo svolgimento, infatti, avviene in latino.

Nissinen è sempre stata affascinata dalla lingua di Cicerone: «Il fascino del mio mestiere è riuscire a dare un’occhiata alla vita quotidiana degli antichi romani. Volevo studiare il latino già al liceo». Nuntii Latini, parte del palinsesto finlandese fin dal 1989, è nato per caso, quando il suo ideatore Reijo Pitkäranta, dell’Università di Helsinki, ha deciso di voler riutilizzare nel contesto attuale un lingua comunemente data per morta.

I conduttori, nel leggere i 5 o 6  lanci del notiziario, utilizzano principalmente vocaboli appartenenti alla lingua antica e medievale, anche se non mancano i casi in cui sono costretti a intervenire per inventare neologismi ad hoc. “Missile Cruiser”, ad esempio, nel tg è diventato missile circumvagans, mentre la rete Internet è stata ribattezzata interrete.

La cosa più sorprendente, in tutto questo, è che là fuori è pieno di appassionati di latino: «Abbiamo avuto lettere da più di 60 Paesi, lettere solitamente scritte in latino, a cui rispondiamo. Io lo faccio una volta al mese», ha ammesso Nissinen.

(via)

Nell’immagine: Marco Tullio Cicerone (106-43 a.C.)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg