Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Un McDonald’s molto diverso dagli altri (foto)

Pareti in vetro, pavimento obliquo, linee avveniristiche che un po’ ricordano il Louvre – e, non ultimo, interni in prato e fiori: non è il tipico McDonald’s.

Questo fast-food di Batumi, località costiera della Georgia vicino al confine con la Turchia, ha attirato l’attenzione di appassionati di architettura in giro per il mondo. Disegnato dallo studio Khmaladze e completato nell’ottobre del 2012, l’originale McDonald’s unisce la bellezza alla funzionalità, essendo dotato di due pompe di benzina in uno spiazzo antistante, comodamente coperto dal sole grazie alla futuristica tettoia. Non solo: lo spazio per il rifornimento delle automobili non è visibile dall’interno, essendo i vetri posti sul resto della struttura (soffitto compreso) ma non su quel versante. L’interno, per garantire un miglior bilanciamento e distribuzione dei pesi, non è suddiviso a piani ma a terrazzamenti.

L’innovativo fast-food nasce, in realtà, da un problema che il comune di Batumi aveva con le pompe di benzina: non voleva che spiccassero lì, in una piazza nel centro storico di Batumi. È arrivato in soccorso Giorgi Khmaladze, che ha proposto la soluzione che possiamo vedere oggi in foto (o dal vivo, per chi volesse avventurarsi in Georgia) badando molto, però, alla separazione degli spazi, fisicamente ma soprattutto visualmente.

Ecco qualche immagine:

 


(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg