Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

L’uomo sopravvissuto a Boston e Waco


Joe Berti è un 43enne di Austin, in Texas. Lunedì scorso si trovava a Boston, a correre una maratona di beneficenza con la sua compagna, Amy. Tagliò il traguardo non senza fatica, con la moglie al suo fianco, ma pochi minuti dopo vennero entrambi sbalzati in avanti da un’esplosione occorsa a pochi metri da loro. Poi un’altra. Nel giro di una decina di minuti, lo spettro greve dell’11 settembre tornava a tormentare l’America.

Una donna che correva accanto ad Amy ha perso una gamba. I coniugi Berti, invece, sono rimasti illesi.

Mercoledì sera Joe stava tornando a casa da Dallas, dove aveva passato una giornata di lavoro. Al volante del suo mezzo, sull’interstatale 35, prima vide del fumo nero salire nei pressi di Waco – una cittadina locale – poi ha assistito al secondo evento di cronaca della settimana: si trattava dell’esplosione della fabbrica di fertilizzanti di West, contea di McLennan, che ha causato 160 feriti e ucciso fino a 15 persone. Lo scoppio è stato così potente da essere registrato anche dai sismografi.

Berti ha raccontato all’Associated Press di non averci potuto credere: «Non può essere vero», racconta di aver pensato. La moglie Amy non è meno stranita dall’insolito susseguirsi di eventi: «Tesoro, cosa sta succedendo alla tua fortuna? Perché sei finito in tutti quei posti?». In realtà Joe, forse un po’ con sano spirito texano, guarda al bicchiere mezzo pieno e si ritiene fortunato per averla scampata: «I feel blessed», ha dichiarato all’AP.

(via)

Nella foto: Joe Berti, 43 anni (Photo credits: ABC)

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg