Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Le modifiche chieste da Thomas Pynchon agli autori dei Simpson

Nel 2004 Thomas Pynchon, scrittore statunitense autore de L’arcobaleno della gravità e V., noto anche perché nessuno ne conosce il volto per via della sua vita da recluso, ha fatto due “comparsate” nei Simpson. La prima è forse la più nota: nell’episodio “Diatribe of a Mad Housewife”, uscito negli Usa nel gennaio 2004, Marge Simpson sta scrivendo un romanzo ed è proprio Pynchon a offrirsi volontario per firmare il suo blurb, la fascetta promozionale. Nella scena lo si vede al telefono con un sacchetto in testa sotto il quale si vede in trasparenza l’unica immagine che abbiamo del misterioso autore, una foto di lui molto giovane (vedi foto); lo scrittore è nel giardino di casa sua e dietro di lui si scorge un cartello con scritto: «La casa di Thomas Pynchon. Entrate pure!». La seconda comparsata risale al novembre dello stesso anno e la troviamo nell’episodio “All’s Fair in Oven War”: in questa puntata l’autore tesse grandi lodi della cucina di Marge.

Pochi giorni fa uno dei produttori esecutivi dei Simpson, Matt Selman, ha postato su Twitter la foto del copione relativo all’episodio, sulla quale si possono leggere le modifiche richieste dall’autore alla sua parte. Tra queste, la richiesta di non chiamare Homer Simpson «fat-ass» (ciccione): «Mi dispiace ragazzi, ma Homer è il mio esempio e non voglio offenderlo».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg