Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Molta guerra, siamo inglesi

Gli Inglesi si sa, per un lungo periodo della loro storia, sono stati piuttosto bellicosi. Diciamo pure che dall’India alle Americhe dove c’era una guerra era molto probabile che ci fosse un esercito inglese sul campo. Ovviamente tutti ricordano l’Impero Britannico, uno dei più estesi, nel suo momento di massima espansione, della storia umana. È così che Stuart Layloch – un inglese, ovviamente – si è posto la domanda più scontata ma che finora però nessuno si era fatto con la stessa precisione: «Quanti paesi, esattamente, sono stati in qualche modo invasi o attaccati – direttamente o indirettamente, da forze ufficiali o da predoni isolati – da fucili, spade, mazze ferrate, armi automatiche, sassi inglesi?».

La risposta è sorprendente anche tenendo conto dell’Impero di cui si diceva all’inizio. Tutto calcolato infatti, le zone della terra che non sono mai e poi mai state invase da piede inglese infatti ammontano praticamente a meno di un decimo del totale come mostra chiaramente la mappa qui di seguito.

Laycock ha raccolto il risultato della sua ricerca in un libro che racconta le invasioni meno note e le modalità di guerra e di conquista più inconsuete adottate dai suoi conterranei; si intitola All the Countries We’ve Ever Invaded: And the Few We Never Got Round To.

Intervistato in merito, l’autore ha dichiarato che difficilmente qualcuno potrà raggiungere o tanto meno superare questo primato inglese, data la natura della guerra moderna anche se effettivamente ha ammesso che: «Gli Usa ovviamente hanno avuto una partenza in ritardo ma devo dire che nell’ultimo secolo si sono dati molto da fare per cercare di rimettersi in pari».

Di seguito la lista degli stati, molto pochi, mai invasi da scarpa anglofona (c’è anche lo Stato Vaticano):

Andorra

Belarus

Bolivia

Burundi

Central African Republic

Chad

Congo, Republic of

Guatemala

Ivory Coast

Kyrgyzstan

Liechtenstein

Luxembourg

Mali

Marshall Islands

Monaco

Mongolia

Paraguay

Sao Tome and Principe

Sweden

Tajikistan

Uzbekistan

Vatican City


 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg