Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Mappare un grattacielo per giocarci a Pong

 

Qualche anno fa Frank Lee stava attraversando il centro di Philadelphia e rimase affascinato dalle luci del Cira Centre, «una delle più affascinanti strutture della città». È un grattacielo bene illuminato e totalmente ricoperto da una texture di finestroni quadrati, una gabbia rigida che da lontano gli ricordò gli schermi dei primi videogiochi arcade anni ’80. In pochi secondi si ritrovò a immaginare una partita a Tetris svilupparsi sulle vetrate del palazzo.

Lee non si dimenticò di quell’esperienza, e come esperto di gaming e programmazione alla Drexel University di Philadelphia, cominciò a lavorare a un progetto di “mapping” dell’edificio per farne uno schermo su cui giocare. La scelta del videogame è stata particolarmente ardua, spiega: il primo a venirgli in mente è stato Tetris, come detto, ma anche Space Invaders è stato testato; alla fine Lee e il suo team ha scelto Pong per la sua estrema semplicità grafica.

 

Di seguito un video che racconta la storia di Lee e del suo esperimento e il video dello spettacolo del 19 aprile. La prossima partita a Pong si terrà il 24 del mese.

 

 

 

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg