20/06/2012 In breve

Le previsioni (avverate) di Ray Bradbury

Stampa

Scomparso lo scorso 5 giugno a Los Angeles, lo scrittore Ray Bradbury ha lasciato in eredità una discreta summa di capolavori, oltre a un’altrettanto discreta quantità di proiezioni sul futuro dell’umanità, e della tecnologia in particolare. Un’infografica raccoglie quelle che si sono infine avverate: da una sorta di orologio da polso con cui poter telefonare (antenato del telefonino) agli schermi ultrapiatti immaginati in Fahrenheit 451 (wall-tv, venivano chiamati) diventati poi realtà negli ultimi anni. Oppure la sorveglianza a distanza, con telecamere e satelliti spia, immaginata già negli anni ’50 (queste tecnologie iniziarono a prendere piede soltanto dieci anni dopo).

A sinistra gli stralci “anticipatori” tratti dall’opera di Bradbury, a destra il loro “equivalente” futuro (e reale).

(Per vedere l’immagine a dimensione intera, cliccate sopra)

 

(via Rianovosti)