Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La fuga di McAfee svelata da Vice

Probabilmente avete già sentito in che pasticci si è infilato John McAfee, il 67enne fondatore della McAfee Inc., una delle più famose compagnie di antivirus del mondo. In breve: McAfee viveva da qualche tempo in Belize, America Centrale, a quanto pare senza lesinare su ogni genere di comodità, inclusa la prostituzione e la produzione – pare – di droga.

Circa un mese fa un suo vicino di casa, Gregory Faull (expat statunitense anche lui) veniva trovato morto, e la polizia locale concentrava i suoi sospetti proprio su McAfee (come persona informata dei fatti, anche se in un primo momento si è pensato a un’incriminazione), che nel frattempo fuggiva. Posizione che non aiuta di certo, ma McAfee, tramite le pagine del suo blog, continua ad aggiornare il mondo sulla sua fuga e sulle sue dichiarazioni di innocenza (e sul suo odio contro il Belize: ha denunciato, di recente, l’avvelenamento del suo cane da parte della polizia).

Il problema per il fuggitivo, però, è sorto quando il direttore di Vice, Rocco Castoro, ha postato in un brevissimo pezzo su vice.com la foto di lui e McAfee, scattata con un iPhone. Si sa, le foto di smartphone contengono indicazioni satellitari (eccole) sul dove e quando vengono realizzate, e nessuno, negli headquarters di Vice, ha criptato le informazioni. Molti utenti, soprattutto su Twitter, hanno notato la cosa, ed ecco che è arrivato il comunicato di mister antivirus, che ha scritto di aver manipolato le informazioni satellitari ad hoc per depistare la polizia. Solo successivamente è emersa la contraddizione su un tentativo di depistaggio e lo svelamento dello stesso da parte del protagonista, e McAfee ha dovuto ammettere di essere in Guatemala, svelando che un inesperto (parole sue) tecnico di Vice non aveva eliminato la coordinate gps.

Attualmente le ultime notizie danno McAfee ancora nello stato centro-americano, intento a chiedere asilo politico. Anche se, vista la maggior chiarezza che si è fatta nel frattempo sulle accuse a suo carico, non dovrebbe essere chiesta alcuna estradizione.

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg