Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La dura vita del mini fotoreporter Lego

Ricordate il nano da giardino di monsieur Poulain, padre di Amélie, la protagonista del film Il favoloso mondo di Amélie? Girava il mondo – per modo di dire, ovviamente – facendo recapitare al legittimo proprietario curiose polaroid che lo ritraevano accanto ai monumenti più iconici di altrettanto iconiche città del mondo. Il più recente progetto di Andrew Whyte è un po’ diverso, ma non troppo: coinvolge un oggetto inanimato ma dalle sembianze quasi umane – in questo caso si tratta di un omino della Lego – che viene immortalato in giro per il mondo.

A differenza del nano di Poulaine, tuttavia, il Lego di Whyte non è un semplice soggetto fotografico: è un fotografo, anzi un “wildlife photographer”, e il suo corrispettivo umano Whyte con i suoi scatti ne documenta l’avventurosa carriera. Il progetto, che Whyte porta avanti da circa un anno,  si chiama Legography ed è a conti fatti una divertente sperimentazione di mobile-photography: gli scatti, infatti, vengono da sempre realizzati con un semplice iPhone (all’inizio era un 4s, oggi un 5s) e vengono poi caricati sulla pagina Facebook di Legography, con una breve descrizione. Il mini-fotografo Lego, al contrario di Whyte, non abbandona mai la sua macchina fotografica, che lo segue anche nelle situazioni più pericolose. Come l’incontro-scontro con una buccia di banana.

(via)

 

Leggi anche: È arrivato il film sui Lego (serve aggiungere altro?)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg