Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La Cina e la vendita dei certificati medici falsi per vedere i Mondiali


In Cina l’espressione “malati di calcio” ha assunto un nuovo significato. Nella Terra di mezzo c’è chi, in occasione dei Campionati del Mondo di calcio, ha deciso di ovviare all’orario sfavorevole in cui verranno giocate le partite (i media cinesi stanno insistendo molto sul fatto che quello brasiliano sarà il peggior Mondiale da vedere dalla Cina), dalle 3 alle 6 di mattina locali. Il metodo è piuttosto semplice: fingersi in malattia e non andare al lavoro grazie a finti certificati medici.

Gran parte del mercato nero dei certificati passa attraverso siti di e-commerce come Taobao. Su Taobao ci sono sempre state offerte di finti documenti medici, in vendita a circa 1 yuan (l’equivalente di 0,11 euro). Per ottenere qualcosa che sembri davvero autentico e assicurarsi la visione delle partite, però, servono il timbro di un ospedale e la firma di un medico: il prezzo può salire fino a 300 yuan.

C’è anche chi, vista questa ondata di presunti malanni, sta correndo ai ripari. Una compagnia della regione del Guandong avrebbe offerto ai suoi dipendenti tre giorni di ferie retribuiti per permettere loro di guardare i Mondiali.

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg