Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Jonathan Franzen contro gli e-book

«La tecnologia che mi piace è quella dell’edizione americana tascabile di Libertà. Posso versarci dell’acqua sopra e continuerà a funzionare». Parole dell’autore stesso, al Hay Festival di Cartagena, Colombia. Franzen contro gli e-book, alfiere del libro cartaceo, utilizza l’ironia per veicolare meglio il proprio pensiero: «L’ultimo update del Grande Gatsby è del 1924. Ma non avete bisogno di aggiornarlo, giusto?» ha aggiunto. Il 52enne ha aggiunto anche una battuta su Barack Obama, suo grande fan che richiese una copia esclusiva di Freedom prima dell’uscita ufficiale. «Uno dei motivi per cui amo Obama così tanto è che finalmente c’è un vero lettore alla Casa Bianca. È fantastico, c’è uno di noi al comando degli Stati Uniti. Anche se quando ho saputo che stava leggendo Freedom, ho pensato “Perché leggi un romanzo? Ci sono cose più importante da fare!”»

Ma il punto principale dell’intervento di Franzen sono rimasti gli e-book e le nuove tecnologie. «Forse» ha continuato «a nessuno interesseranno i libri stampati tra 50 anni, ma a me ora interessano. Quando leggo un libro sto tenendo in mano uno specifico oggetto in un determinato spazio-tempo». L’intero intervento dello scrittore statunitense è riportato dal Telegraph.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg