Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

International Space Orchestra

Non si tratta di mandare un’orchestra nello spazio a suonare fluttuando in assenza di gravità (quello l’ha appena fatto l’astronauta Chris Hadfield, in una bella versione di Space Oddity di David Bowie), bensì di prendere degli esperti di cose spaziali (prevalentemente astrofisici) e trasformarli in provetti musicisti classici: una vera e propria orchestra con fiati, percussioni e tutto l’armamentario musicale necessario.

Il progetto è di Nelly Ben-Hayoun, eclettica e bizzarra designer francese, che è volata ad Ames, California, per convincere il personale della base Nasa a trasformarsi in un’orchestra. L’orchestra si chiama International Space Orchestra e la sua storia è diventata un documentario. Ben-Hayoun con gli scienziati ora musicisti ha composto un’opera chiamata Ground Control, liberamente ispirata alla missione dell’Apollo 11, insieme anche a degli ospiti d’eccezione: in primis Arthur Jeffes della Penguin Cafè Orchestra, e poi Damon Albarn, Mike Smith dei Gorillaz, Bruce Sterling per i testi. Questi ultimi, però, sono in giapponese.

Per chi è dalle parti di Londra, il documentario sull’International Space Orchestra sarà proiettato all’Open City Doc Fest il 22 giugno.

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg