Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

In difesa del coming out di Michael Sam

Per chi non la conoscesse, la storia, in breve, è questa: Michael Sam (nella foto) è uno dei migliori giocatori di football (defensive end) dei College americani, in forza alla University of Missouri. A maggio la NFL andrà ai draft per scegliere i nuovi giocatori, e Sam è uno dei più papabili per rientrare nelle prime scelte. È al centro dell’attenzione, insomma. E su di lui si chiacchiera molto: gira voce che sia gay.

Così Sam, il 9 febbraio, ha rilasciato interviste a Espn e al New York Times per il suo coming out. «Voglio essere sicuro di poter dire la mia storia nel modo in cui la voglio dire», ha spiegato Sam, dal momento che le voci sulla sua omosessualità circolavano sempre più insistenti («non mi sono mai nascosto», ha detto a proposito).

I problemi sono arrivati subito: non dai suoi compagni di squadra, ma dalla testata Sports Illustrated. Il giorno dopo, il magazine pubblicava una articolo intitolato “How will news that Michael Sam is gay affect his NFL draft stock?”. Nell’articolo vengono citate “confessioni” da parte di otto anonimi “Nfl executives and coaches”. Questi confermano i peggiori stereotipi sul mondo dello sport e, più nello specifico, della National Football League, cose tipo: nel draft ora cadrà terribilmente in basso; un gay nello spogliatoio crea imbarazzo e toglie equilibrio; il football è uno sport da uomini; dovranno passare ancora decenni prima che un gay possa essere accettato; non ha fatto una scelta intelligente.

Dale Hansen, popolare commentatore sportivo, lo stesso lunedì sera ha risposto in diretta Tv all’articolo di Sports Illustrated, smontando molte delle accuse e ribaltandole. Un esempio?

Several NFL officials are telling Sports Illustrated it will hurt him on draft day because a gay player wouldn’t be welcome in an NFL locker room. It would be uncomfortable, because that’s a man’s world.

You beat a woman and drag her down a flight of stairs, pulling her hair out by the roots? You’re the fourth guy taken in the NFL draft.

You kill people while driving drunk? That guy’s welcome.

Players caught in hotel rooms with illegal drugs and prostitutes? We knowthey’re welcome.

Players accused of rape and pay the woman to go away?

You lie to police trying to cover up a murder?

We’re comfortable with that.

You love another man? Well, now you’ve gone too far!

 

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg