Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il sito di incontri che ha deciso di boicottare Firefox

OkCupid, online dai primi anni Duemila, è un social network dedicato al dating, uno dei maggiori della sua categoria. Nella giornata di ieri ha fatto parlare di sé per una singolare iniziativa che ha coinvolto il dibattito politico e – soprattutto – gli utenti del popolare browser Mozilla Firefox.

Da qualche ora, infatti, provando a dirigersi sul sito di incontri da Firefox si ottiene un messaggio insolito: «Il nuovo CEO di Mozilla, Brendan Eich, è un avversario dell’uguaglianza dei diritti per le coppie omosessuali. Preferiremmo, quindi, che i nostri utenti non usassero software di Mozilla per accedere a OkCupid».

Eich, che è stato nominato presidente della società la settimana scorsa, a tutti gli effetti è stato un sostenitore della controversa Proposition 8 californiana del 2008 (il referendum che chiedeva l’abolizione del diritto di matrimonio per i gay). OkCupid non ne fa una questione puramente personale: «Se persone come il signor Eich avessero spazio, più o meno l’8% delle relazioni che abbiamo lavorato sodo per costruire sarebbero illegali. L’uguaglianza di diritti per le relazioni omosessuali è personalmente importante per molti di noi qui a OkCupid. Ma è professionalmente importante per l’intera compagnia».

L’annuncio si chiude in modo laconico: «Se vuoi continuare a usare Firefox, il link in basso ti porterà al sito. Tuttavia, ti incoraggiamo a usare un altro software per accedere a OkCupid». E il boicottaggio del più celebre browser open source è servito.

(via)

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg