Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il senso di Kim Jong-un per la Silicon Valley

Del Supremo leader nordcoreano Kim Jong-un, trentatreenne a capo dell’unico Paese ancora di fatto isolato dal resto del mondo, si conosce una certa malcelata propensione per alcune cose americane: il basket, su tutte. Chi non ricorda i suoi recenti incontri al vertice con Dennis Rodman, improbabile inviato per migliorare le (assenti) relazioni diplomatiche tra Corea del nord e Stati Uniti?

C’è anche un marchio californiano che piace molto alla famiglia Kim: la mela di Apple. Kotaku lo afferma spiegando che la passione di Kim, documentata da alcune fotografie ufficiali (come questa twittata dal corrispondente di Reuters James Pearson), sarebbe stata mutuata dal padre Kim Jong-il, venerato fondatore dello Stato. Secondo la versione ufficiale, Kim Jong-il nel 2011 è morto nel suo ufficio mobile su un treno di sua esclusiva proprietà: in una foto del museo che espone la carrozza come luogo della storia nordcoreana si nota il Macbook Pro del leader.

Un altro segnale in questo senso è rappresentato da un sistema operativo “screenshottato” dal docente universitario Will Scott durante un suo ciclo di lezioni all’università di Pyongyang: il design dell’OS è simile, per non dire identico, a quello in uso sui device Apple. E anche Google ha avuto contatti diretti con la Corea del Nord, stimolati dalle inconfessabili passioni del suo timoniere: nel 2014 Sophie Schmidt era arrivata nella capitale nordcoreana col padre, il presidente di Big G Eric, e aveva notato un particolare sorprendente: «Sono stata felice di apprendere che Kim Jong-il e io condividevamo il gusto per i portatili: i Macbook Pro da 15”».

Immagine in evidenza Ed Jones/Afp/Getty Images
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg