Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il ruolo delle vere gang in Grand Theft Auto 5

Gran Theft Auto V, dodicesimo capitolo della serie (contando anche gli spin-off e i primi GTA su Play Station 1), uscirà negli Stati Uniti e in Europa il 17 settembre, più di 5 anni dopo l’ultimo Gran Theft Auto IV. Sarà ambientato nello stato fittizio di San Andreas, e più precisamente nella città di Los Santos, e avrà tre protagonisti (Michael, Trevor Phillips e Franklin). Come sempre, il ruolo di gang e criminalità organizzata sarà centrale nello svolgimento della trama del gioco. E quelli della Rockstar Games, a questo proposito, hanno voluto fare le cose davvero per bene.

Il produttore e sceneggiatore del gioco Lazlow Jones, in un’intervista rilasciata alla radio di Chicago WGN, ha rivelato che sono state registrate migliaia di ore di audio di autentici membri di gang losangeline, andando di casa in casa e “prendendo” in diretta le loro conversazioni quotidiane.

Jones ha dichiarato che, essendoci gang di neri, di latinos, e via dicendo, non volevano utilizzare un goffo attore hollywoodiano per scimmiottare il parlato di queste realtà. La soluzione, allora, è arrivata seguendo la via dell’autenticità: «Abbiamo ingaggiato un tizio che andasse dai membri delle gang, dai veri membri delle gang, come tipi salvadoregni com tatuaggi fantastici, uno dei quali era letteralmente uscito dal carcere il giorno prima».

Questi «terrifying guys», come li ha definiti Lazlow Jones, hanno poi contribuito alla stesura dei dialoghi, leggendo i copioni e correggendo gli autori su quali frasi potevano essere autentiche e quali no. Dice Jones: «Hanno letto i dialoghi e hanno detto, “Io questa cosa non la direi”, e allora noi dicevamo, “Ok, dicci come la diresti tu”. Autenticità».

L’intera intervista di Lazlow Jones è riascoltabile qui.

(via)


54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg