Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Graffiti israeliani a Berlino che parlano di Shoà

 

Quattro street artist israeliani sono stati, nell’inverno 2013, a Berlino. Il gruppo, che si fa chiamare Broken Fingaz e ha visitato di recente anche il Messico, Amsterdam e, nell’agosto 2013, l’Italia, è composto da quattro ragazzi di Haifa, tutti di età compresa tra i 25 e i 28 anni.

I Broken Fingaz scelgono un tema diverso per ogni città, legato al luogo e alla storia. Nel caso di Berlino hanno scelto l’Olocausto, e nella capitale tedesca hanno tenuto anche una piccola esposizione dal titolo Bottle Neck (nello spazio Urban Spree).

Il risultato di quei giorni è ora testimoniato da questo video, realizzato dal magazine online The Forward. «Un progetto artistico del genere poteva nascere solo all’interno della comunità ebraica», ha commentato il gallerista Pascal Feucher. «Immaginate una cosa del genere fatta da un tedesco… sarebbe stata male interpretata».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg