Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

L’allegro esercito di robot di Google

Robot! Tutti li vogliono, tutti li aspettano, Google se li compra e basta. In un futuro fatto di automobili auto-guidanti e macchine-lavoratrici pronte a togliere lavoro ai colleghi umani, Google sembra destinato a dominare il mondo, facendo del motore di ricerca solo un addobbo del suo immenso impero. Gizmodo ha ripercorso gli ultimi mesi di vita del colosso digitale e ha elencato tutte le aziende e start up robotiche che Google ha acquistato e inglobato. Occhio alle date perché la prima parte di dicembre del 2013 è stata all’insegna dello shopping.

Don’t be evil, mi raccomando.

 

1) Schaft, Inc. (2 dicembre 2013, prezzo sconosciuto)

 

 
Meravigliosi, orribili e all’avanguardia, i robottini della giapponese Schaft hanno recentemente vinto un concorsone tenuto dalla Darpa, organizzazione militare statunitense. Niente male per un’azienda che aveva iniziato costruendo robot di soccorso tipo quelli utilizzati nei giorni successivi al disastro di Fukushima.

 

2) Industrial Perception, Inc. (3 dicembre 2013, prezzo sconosciuto)

 

 

Il giorno l’acquisizione dell’azienda nipponica, Google ha comprato la californiana Industrial Perception, che produce o sta producendo «robot in grado di vedere, capire e agire». Qui sopra potete vedere uno dei loro prodotti lanciare scatoloni in un magazzino.

 

3) Redwood Robotics (4 dicembre 2013, prezzo sconosciuto)

Altra azienda robotica di servizio, è specializzata in braccia robotiche che potrebbero essere utili in lavori di qualsiasi tipo (in fabbrica come a casa).

 

4) Meka Robotics (5 dicembre 2013)

 

 

Produce robot umanoidi dallo sguardo tenero, sempre del settore di servizio; hanno volti robotici in grado di esprimere un qualche tipo di emozione, un particolare carino che potrebbe rivelarsi terribile e inquietante.

 

5) Holomini (6 dicembre 2013, prezzo sconosciuto)

Non se ne sa nulla, racconta Gizmodo. Ancora prima di passare sotto l’ala di Google, la società aveva un sito internet (ora chiuso) con una scarna presentaizone che la collocava nel settore delle «ruote omnidirezionali». Presentazione a cui Google non ha resistito, a quanto pare.

 

6) Bot & Dolly (7 dicembre 2013, prezzo sconosciuto)

Azienda specializzata nello sviluppo di telecamere robotiche utilizzate anche in Gravity. Il video rende l’idea.

 

 

7) Boston Dynamics (10 dicembre 2013, prezzo sconosciuto)

 

 

L’acquisizione che ha fatto più rumore, forse: la BD produce robot a forma di cani, umani e bestie che sembrano usciti dal vostro peggiore incubo. Robot veloci fatti per inseguire altri esseri umani ma in realtà progettati per aiutare i più bisognosi, solito ritornello googliano che stona però se affiancato a un produttore di robot militari.

 

8) DeepMind Technologies (26 gennaio 2014, prezzo: 400 milioni di dollari)

Con un nome che ricorda quello di “Pensiero Profondo”, il computer di Guida Galattica per Autostoppisti, la DeepMind si occupa di fornire un cervello a tutta la ferraglia sopra elencata, ed è quindi la società più misteriosa e spaventosa tra quelle presenti nel mazzo di Google. Non ci sono foto né video, solo un sito molto scarno.

 

Immagine: “WildCat”, robot della Boston Dynamics

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg