Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

E così si comincia a giocare alla guerra

Era un po’ il segreto di Pulcinella, ora non più. Francia e Gran Bretagna lo hanno confermato: stanno addestrando le truppe dei ribelli in Libia. L’Italia ci sta pensando. Londra invierà a Benghazi una ventina di soldati di lungo corso, per addestrare e organizzare i ribelli. Dal canto suo la Francia invierà una decina di “consiglieri militari” con simili direttive. Infine, il ministro della Difesa Ignazio La Russa ha fatto capire che anche l’Italia è coinvolta, dichiarando che i ribelli “ovviamente devono essere addestrati.”

Ora, forse ricorderete che la scorsa settimana ci eravamo permessi di gettare qualche ombra sulle dichiarazioni di Andres Fogh Rasmussen, il segretario generale della Nato che insisteva a dire: “Siamo in Libia per proteggere i cittadini, non per armarli.” Caro Rasmussen, che differenza c’è tra fornire le armi ai rivoltosi e insegnare loro a usarle?

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg