Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Se Don Draper fosse un pubblicitario oggi

Pochi giorni dopo la messa in onda dell’ultima puntata di Mad Men (negli Usa il 17 maggio; in Italia, invece, la serie è ancora in corso) il tumblr Mad Men Integrated racconta come sarebbe stata la vita di Don Draper, rampante pubblicitario anni Sessanta, se la serie Tv fosse stata ambientata ai giorni nostri.

madmen1

La pluripremiata serie statunitense restituisce una fotografia affascinante del mondo patinato dell’advertising a stelle e strisce ai suoi inizi: Don Draper lavora alla Sterling Cooper Draper Pryce, agenzia pubblicitaria con sede a Madison Avenue, che vanta tra i propri clienti alcuni top brand decisi ad affacciarsi al mondo dei cosiddetti commercials.

mad2

Oggi la questione sarebbe un po’ diversa: alle lunghe discussioni sugli spot per la Tv Draper e il suo team sostituirebbero molto probabilmente – e con lo smartphone sempre in mano – conversazioni sui contenuti dei banner pubblicitari, sulle adv per dispositivi mobili e sui pop up. Scervellandosi ore sugli hashtag più efficaci per i social network.

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg