Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La parola del 2014 potrebbe non essere nemmeno una parola

Secondo il Global Language Monitor, una società che si occupa di studiare il linguaggio online tramite l’analisi dei big data, ha nominato la parola del 2014. Il problema è che, per la prima volta, non si tratta di una parola ma di un emoji, anzi precisamente ma di un ideogramma, il disegno stilizzato di un cuore rosso, usato online per comunicare un’ampia gamma di emozioni che vanno dall’affetto all’approvazione passando per l’amore sfrenato.

♥♥♥

Stando agli standard del GLM le parole dell’anno vengono scelte «sulla base del loro effettivo utilizzo nel mondo anglofono, di cui oggi fan parte 1,83 miliardi di persone». Altre parametri: la diffusione globale, un minimo di 25 mila citazione e un utilizzo ampio e radicato tra gli utenti.

A seguire, altre parole come “hashtag”, “vape” (l’azione di fumare una sigaretta elettronica), “photobomb”.

 

A proposito dell’enorme successo degli emoji come lingua franca globale, rimandiamo a questo bell’articolo del New York magazine, che spiega l’ascesa e i motivi della diffusione di questo incredibile sistema di simboli.

 

(via)

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg