11/06/2012 In breve

I compleanni portano sfiga (sostiene l’università di Zurigo)

Stampa

Se vi sentite di cattivo umore il giorno del vostro compleanno, sappiate che avete ottime ragioni: non tanto perché le candeline ricordano l’età che avanza, quanto perché il compleanno è in assoluto il giorno dell’anno in cui avete la più alta probabilità – questo è il momento di fare un cenno apotropaico! – di tirare le cuoia. Lo ha stabilito una ricerca condotta dall’università di Zurigo, i cui risultati sono stati pubblicati sul Daily Telegraph.

I ricercatori svizzeri hanno monitorato i dati di circa due milioni di persone, relativi a un periodo di 40 anni, e hanno scoperto che, in media, le persone con più di 60 anni hanno il 14% in più di probabilità di passare a miglior vita durante il loro compleanno, rispetto a qualsiasi altro giorno dell’anno.

“I compleanni sono letali più di quanto uno si aspetterebbe”, ha commentato la ricercatrice Vladeta Ajdacic-Gross . Basti pensare che, in coincidenza del soffio delle candeline, il rischio di ictus aumenta di ben il 21%. Una spiegazione possibile risiede nella tendenza, diffusa, di mangiare troppo durante le feste, anche se sono prese in considerazioni altre ipotesi, di natura più psicologica.

William Shakespeare è morto il giorno del suo compleanno, il 23 Aprile del 1616. Così anche Ingrid Bergman, scomparsa il 29 agosto di trent’anni fa.