Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Comic Neue e l’impresa impossibile di rendere “bello” il Comic Sans

Nato vent’anni fa come font simpatico e scherzoso, Comic Sans è presto diventato il Grande Male tipografico, odiato da addetti ai lavori e non, soprattutto a causa della proliferazione che l’ha portato a invadere ogni settore, dall’angusta nicchia dei cartoon ai paper accademici. Craig Rozynski, designer autodefinitosi «filantropo delle font», ha però deciso di riprovarci, modificando Comic Sans per renderlo più appetibile e meno naïf. La sua creazione si chiama Comic Neue, si scarica da qui, ed è solo leggermente più digeribile dell’originale.

A proposito dell’originale, il Guardian ricorda che la font nacque in un ambiente “protetto”, quello di Microsoft Bob, un programma amichevole e facile in cui un cagnolino digitale accompagnava i nuovi utenti – specie i più piccoli – nei primi passi dell’informatica. L’allegro font prese però il sopravvento, finendo per essere usata anche in documenti ufficiali (qui c’è un documento papale in cui è stata usata), alimentando un odio diffuso, culminato nella creazione di un sito internet che chiede la messa al bando del Comic Sans.

Riuscirà Comic Neue a ridare dignità al prodotto? Difficile immaginarlo.

A noi piace comunque ricordarlo così, con questo aggressivo monologo pubblicato dal sito di McSweeney’s intitolato “I Am Comic Sans, Asshole“. Un classico, proprio come il Comic Sans (che lo vogliate o no).

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg