Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Campagna repubblicana e amori inattesi

A volte si può dire scherzando quello che si pensa veramente. Quando abbiamo scritto che Jon Stewart, il conduttore del programma satirico The Daily Show, si era preso una cotta poltica per il candidato alle primarie repubblicane Ron Paul… stavamo scherzando. E probabilmente anche lo stesso Jon Stewart, quando per tre volte ha difeso Ron Paul… stava scherzando. Anche se forse un po’ di sintonia tra i due c’è davvero.

Proprio ieri lo stesso “candidato alla candidatura” Gop ha dichiarato in una video-intervista per The Monitor Breakfast (una serie di appuntamenti politici organizzati dal CSMonitor di Boston) di essere molto grato al comico per tutta la pubblicità ottenuta attraverso il suo show: “Se c’è una persona che veramente ci ha difeso, o almeno ha difeso i miei sostenitori, questo è stato Jon Stewart,” ha detto Paul, maverick liberista del partito repubblicano spesso snobbato dai media conservatori come la Fox. E ancora: “Non riesco a pensare di una cosa più drammatica fatta a nostro favore rispetto a quello che ha fatto Jon Stewart.” Infatti The Daily Show ha preso spesso di mira Fox e compagnia per l’avere ignorato Ron Paul: “Che cos’è, il tredicesimo piano di un hotel?”

Forse Jon Stewart scherzava (almeno un po’) quando è accorso in difesa di Ron Paul. Ma Ron Paul non scherzava…

 

 

 

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg