Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Ambasciata Usa e Fratelli Musulmani: lo scontro su Twitter

Qualcuno l’ha ribattezzata la “dicotomia in stile Yasser Arafat,” in onore del leader palestinese che aveva l’abitudine di adattare il suo messaggio a seconda del pubblico cui si rivolgeva: un messaggio in inglese, ad uso e consumo dell’audience occidentale, e un altro in arabo, rivolto al pubblico locale (a proposito: anche di questo vi parliamo più nel dettaglio nella storia di copertina del numero di Studio che trovate in edicola).

Una strategia di comunicazione che forse poteva funzionare qualche anno fa, quando notizie e dichiarazioni circolavano più lentamente e, soprattutto, quando era più raro trovare persone che avevano studiato l’arabo nelle cancellerie e nei media occidentali.

Questo, almeno, è quello che verrebbe da pensare in queste ore, seguendo lo scontro via twitter tra l’ambasciata americana del Cairo (@USEmbassyCairo) e i Fratelli Musulmani egiziani (@ikhwanweb)

Mentre i manifestanti protestavano davanti alla sede diplomatica americana contro l’ormai famigerato “film su Maometto,” l’account dei Fratelli Musulmani ha twittato: “Siamo sollevati che nessuno dello staff dell’ambasciata Usa si sia fatto male e speriamo che i rapporti tra Usa ed Egitto superino questa turbolenza.”

A quel punto l’account dell’ambasciata, gestito dal diplomatico Larry Schwartz (che già era stato oggetto di critica per il suo uso disinibito dei social media) ha risposto: “Grazie. Comunque, avete controllato il vostro feed in arabo? Spero sappiate che anche noi leggiamo l’arabo.” Al che i Fratelli Musulmani hanno risposto: “comprendiamo che siete in una situazione di grande stress, ma sarebbe più utile che indicaste esattamente a quale feed in arabo vi state riferendo.

A quel punto, qualcuno deve avere consigliato a Schwartz di darci un taglio, e lui non ha risposto. Comunque è possibile, se non probabile, che il diplomatico si riferisse al comunicato sulla manifestazione diffuso sul web in arabo dal FJP, il partito legato ai Fratelli Musulmani, il cui link era stato ritwittato da @ikhwanweb (nota: sulla bio c’è scritto esplicitamente RT=endorsement, esattamente il contrario di quello che mettono la stragrande maggioranza dei twitterati). Il comunicato invitava a manifestare davanti all’ambasciata americana, sottolineando “il dovere del popolo egiziano musulmani di esprimere la sua rabbia e il trionfo del Santo Profeta”.

In un primo momento, i Fratelli Musulmani/FJP avevano esortato i loro a manifestare – in maniera pacifica, è bene ricordare – ma poi il movimento/partito ha impartito un contrordine.

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg