Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Allen Iverson farà il calciatore?

Allen Iverson è nei guai, almeno da un mese abbondante: il conto in banca dell’ex talento di Philadelphia, Denver e Detroit è stato letteralmente “requisito” da una corte della Georgia a causa di un pagamento non effettuato. Considerato il personaggio in questione, la cifra non è da poco: si tratta di 375 000 dollari di debiti con un gioielliere, che sono cresciuti fino a 850 mila a causa di spese legali, interessi e procure. E ora The Answer cerca lavoro, o così pare. Dopo una stagione in Turchia, sponda Besiktas, è ritornato in America, ma senza più giocare. I problemi, a ben guardare, non derivano soltanto da quel “conticino” aperto e mai saldato con una gioielleria georgiana: Iverson ha dilapidato, si calcola, quasi duecento milioni di dollari nel corso di una carriera Nba che lo ha portato a essere votato al quinto posto tra le migliori guardie di sempre.

Il sogno dell’ex 76ers, ovviamente, sarebbe quello di tornare in una squadra di primo livello, ma se l’opportunità di arrivare in Nba dovesse per forza passare attraverso un “purgatorio” nella D-League o in Sud America, il giocatore sarebbe pronto, dice la solita “fonte vicina” e “ben informata”. Ma c’è un’altra, ben più strana opportunità alle porte: una squadra di calcio. No, nemmeno di calcio, ma calcio indoor, insomma calcetto, su campi sintetici. Il team in questione sono i Rochester Lions, militanti nella MISL (Major Indoor Soccer League), che hanno fatto sapere tramite il vice presidente Rich Randall di essere disposti a offrire a Iverson ventimila dollari a partita, più un bonus di cinquemila dollari a ogni rete segnata. «Iverson è uno dei migliori atleti della nostra epoca» ha detto Randall, «potrebbe essere un grande colpo per il nostro club e per i nostri tifosi, per raggiungere i playoff, e potrebbe anche portare interesse verso uno sport in rapida espansione». Insomma, il contratto non è molto diverso da quello stipulato due anni fa con il Besiktas, e costituirebbe un aiuto non indifferente per le finanze di The Answer. Certo, dal parquet all’erba sintetica, dal canestro ai pali, da un sottomano a un interno destro, il passaggio non è dei più semplici.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg