Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Sei Vine memorabili con cui dire addio a Vine

Vine, l’app di proprietà di Twitter celebre per i video di sei secondi – o anche più brevi – che vengono riprodotti automaticamente in loop, ha annunciato che chiuderà la sua applicazione mobile, di fatto segnando la fine del servizio nato appena 4 anni fa e diventato molto popolare per i meme, le battute e un’ecosistema di personaggi e riferimenti in continua evoluzione.

Eppure, dall’anno scorso le cose hanno preso una piega decisamente negativa: una ricerca di mercato di Makerly, condotta su 10 mila influencer del social in questione, ha scoperto che la maggioranza di questi ultimi non pubblicava nulla dal 2015. Per Twitter, in termini economici, la scelta dev’essere stata piuttosto semplice. Ad ogni modo sito web di Vine rimarrà online, ha precisato in una nota il team dell’app, «perché è importante poter continuare a vedere tutti gli incredibili Vine che sono stati fatti». Un certo senso di rispetto e gratitudine per Vine echeggia anche in una serie di liste di “Vine memorabili” che stanno spuntando in queste ore, quasi a voler tributare i dovuti onori al sito morente.

Fusion, ad esempio, sceglie questo di Peaches Monroe, risalente al 2014: la ragazza di South Chicago, abituata a documentare quotidianamente la sua vita nella metropoli dell’Illinois, quel giorno decide di spendere parole di apprezzamento per le sue sopracciglia: dice che sono «on fleek», un’espressione che non significava nulla in particolare, ma che da quel momento diventa così popolare da approdare a talk show in prima serata, articoli di giornale e gergo delle celebrity.

Naturalmente, nella lista di Fusion c’è anche spazio per meme o video scherzosi che non hanno avuto un’eco altrettanto forte nella cultura pop, ma che comunque meritano un posto nel pantheon dei Vine memorabili. Prendete questo cane, per dire.

Anche Digg.com ha una selezione dei «migliori Vine mai creati». Si passa da questo:

 

A quest’altro:

Senza commettere l’errore di dimenticare questo:

Noi aggiungiamo anche quest’ultimo, per meriti sul campo.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg