Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Non sono soltanto gli uomini a causare l’estinzione delle altre specie

Facebook è pieno di utenti che decantano presunte qualità degli animali che gli uomini invece non hanno. Ma un gruppo di ricercatori provenienti da tutto il mondo dimostra che animali ed esseri umani condividono sicuramente un enorme difetto, quello di portare le altre specie all’estinzione.

Lo studio, spiegato in questo articolo di Atlas Obscura, ha preso in considerazione le abitudini alimentari di due gruppi di scimmie che abitano una riserva naturale in Thailandia. I primati sull’isola di NomSao usano grosse pietre per spaccare il guscio di un tipo di lumaca tropicale di cui vanno ghiotti. Anche sull’isola di Koram i macachi hanno accesso allo stesso tipo di nutrimento, ma le pietre utilizzate per rompere il guscio dei crostacei sono più piccole. La differenza dipende dalla taglia delle lumache, che nella seconda isola non hanno il tempo di crescere a causa dell’ingordigia degli animali. Per gli scienziati della ricerca si tratterebbe di uno stile di vita non sostenibile, lo stesso che, come umani, ci rimproveriamo spesso.

Un altro aspetto della questione è che l’estinzione delle lumache tropicali su entrambe le isole, che i ricercatori considerano imminente, avrà come conseguenza la perdita di una conoscenza acquisita dai macachi. Se non ci sarà più bisogno di aprire i gusci dei crostacei per estrarne il nutrimento, infatti, non sarà necessario tramandare l’utilizzo di sassi per questa funzione. La stessa cosa potrebbe essere accaduta all’uomo, che nel corso della preistoria potrebbe aver dimenticato l’utilizzo della pietra, per recuperarla successivamente.

 

Foto Getty
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg