Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Tina Brown dice che The Crown è così bello che dà dipendenza

Dal 4 novembre è disponibile su Netflix una nuova serie originale: The Crown, che racconta la storia della regina d’Inghilterra Elisabetta II. Lo sceneggiatore è Peter Morgan, lo stesso del film The Queen (che di fatto parlava più che altro di Blair, a ridosso della morte di Lady Diana); il regista invece è Stephen Daldry, noto soprattutto per Billy Elliot e The Hours. La prima stagione, che consiste di 10 episodi, si concentra sui primi anni della vita adulta di Elisabetta, a partire dal suo matrimonio con Filippo, passando dalla morte del padre e l’incoronazione, avvenuta quando aveva appena 25 anni, e il rapporto con Churchill e la sorella minore Margaret. Sono già state annunciate altre due stagioni, che stando a quanto riportato dal Guardian dovrebbero arrivare fino all’inizio degli anni Ottanta, quando il principe Carlo ha sposato Diana.

All’indomani del lancio della prima stagione, che è costata più di 100 milioni di dollari, superando Marco Polo e The Get Down come serie più dispendiose di Netflix, le recensioni sono state molto positive. Particolarmente entusiasta è stata la reazione di Tina Brown sul New York Times, che ha definito la «compulsively watchable», cioè godibile al punto di dare dipendenza. Paragonando The Crown a Downton Abbey, la fortunata serie anglo-americana su una famiglia nobile inglese agli inizi del Novecento, Brown loda il creatore per avere «ottenuto un risultato insolito già nei primi due episodi», ovvero il «raccontare la storia di Elisabetta II attraverso il prisma del suo essere impreparata».

La giornalista loda inoltre la performance della protagonista, la trentaduenne Claire Foy, definendola «meravigliosamente quotidiana». Di Matt Smith, che interpreta il ruolo del principe Filippo, invece scrive: «Ha la giusta combinazione d’impazienza corrucciata e di quell’orgoglio maschile minaccioso che bene si addice a un marito la cui devozione si alterna al potere, incosciente, di causare dolore». Brown conclude augurandosi che, al di là delle due prossime stagioni già confermate,la serie prosegua fino al 2020.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg