Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

In Svizzera hanno scaricato 100 mila euro nel gabinetto

A Ginevra quattro bagni sono stati otturati, ed è per questo che un impiegato della pizzeria Du Molard ha chiamato la polizia. Il fatto che l’uomo si sia rivolto alle forze dell’ordine e non a un idraulico dipende dal tipo di oggetto intrappolato nelle tubature: il tappo che impediva all’acqua di defluire era formato da banconote da cinquecento euro e ammontava a una fortuna distrutta. 

La pizzeria du Molard non è un caso isolato. La stessa cosa è successa ad altri due locali e a un bagno pubblico, tutti vicini a un deposito della banca svizzera USB. I fatti risalgono ad alcuni mesi fa, ma la notizia non è più vecchia di una settimana, e in pochi giorni ha girato il mondo.  Il totale delle banconote tagliuzzate e scaricate ammonta, come riporta Gizmodo, a più o meno centomila euro. Soldi che in Svizzera hanno valore solo nella misura in cui possono essere cambiati in valuta locale, il franco svizzero. Un altro punto è che negli Stati Uniti e in Europa è proibito distruggere simili quantità di denaro. In Svizzera no. Ciò vuol dire che l’accusa più grave, al momento, è legata ai danni idraulici.

Chiaramente le autorità hanno fiutato una storia più grossa e hanno tutta l’intenzione di andare a fondo nella vicenda. Come riporta il Guardian, ci sono già dei sospettati. I soldi sembravano essere di una donna spagnola che li aveva depositati in una cassetta di sicurezza a Ginevra. La conferma che la donna era nei paraggi al momento dei fatti è arrivata dalle telecamere e dal fatto che un avvocato si è presentato alla locale stazione di polizia offrendo il pagamento dei danni.  Sembra che l’uomo abbia dato una spiegazione delle ragioni del gesto, una versione che le autorità hanno deciso di mantenere riservata.

Tra le ipotesi c’è che il tentativo di distruzione sia scattato dopo l’annuncio da parte della banca europea di voler ritirare le banconote da cinquecento euro come misura antiriciclaggio. Si tratterebbe allora di denaro sporco. Anche così, però, molte cose non tornano. Come è possibile che la donna abbia frainteso le misure della Bce (per adesso soltanto un’intenzione)? E perché un metodo così maldestro è stato perseguito in modo così inefficiente?

 

Foto Getty

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg