Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Siamo sicuri che pagare centinaia di euro al ristorante sia una follia?

Mai come negli ultimi anni c’è stata così tanta attenzione verso la cucina. Gli chef sono diventati personaggi pubblici, conduttori, sponsor pubblicitari, soccorritori di gestioni fallimentari; e i loro ristoranti sono cresciuti in popolarità. Si parla sempre di più di locali stellati, con i loro ingredienti di prima qualità e i prezzi decisamente poco abbordabili.

Proprio su quest’ultimo aspetto ha riflettuto Adam Liaw, ex avvocato e ora cuoco e scrittore, che sul Guardian ha espresso le sue perplessità sul costo delle cene nei locali di alto livello o stellati. Come il ristorante danese Noma, che ha aperto per dieci settimane anche a Sidney: il prezzo è di circa 485 dollari a testa, bevande escluse. Questo, però, non ha scoraggiato le persone, che hanno esaurito in novanta secondi i 5.500 posti disponibili. A Tokyo, invece, il tre stelle Michelin Sukiyabashi Jiro fa pagare 300 dollari per mangiare in un’ora all’interno di una stazione della metropolitana. Un prezzo nemmeno troppo alto se paragonato a quello del Plaza Athénée di Parigi dove lavora lo chef Alain Ducasse: qui una singola portata si aggira sui 150 dollari, mentre a New York, da Per Se, si parte da 325 dollari a testa soltanto per il cibo, con una cena che può arrivare a superare molto facilmente i mille dollari.

Plaza Athénée parigi

«Siamo tutti impazziti?», si chiede Liaw, secondo il quale un buon pasto si può comprare ovunque senza spendere cifre folli. Ma se questi posti continuano ad aprire è perché c’è una forte domanda che li richiede: una cena del genere è una delle cose più lussuose che si possano comprare e consumare allo stesso tempo; ma è relativamente economica rispetto ad altre esperienze del lusso. Che dire delle borse che costano centinaia – se non migliaia – di euro, o degli orologi, delle macchine e dei quadri che valgono milioni? Il problema, nel caso del cibo, è che secondo Liaw ci si dimentica che cosa stiamo comprando. «Sappiamo tutti il costo di un pollo o di un pomodoro al supermercato, quindi quando ci sediamo sappiamo quanto può essere costata la nostra cena. Il motivo dei prezzi così alti non sta negli ingredienti, né nella bontà dei piatti: in questi ristoranti si paga l’arte, l’abilità, il concetto, la teatralità e il servizio. Il pasto è soltanto poco più di una giustificazione per tutto il resto», scrive Liaw.

Immagini Getty Images
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg