Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il manoscritto originale del manuale degli Alcolisti anonimi andrà all’asta

The Big Book of Alcoholics Anonymous, o Grande libro degli Alcolisti anonimi, nella versione tradotta in italiano, è un testo che ha avuto un’influenza impareggiabile sul Ventesimo secolo: nel 2012 la Library of Congress americana l’ha messo al primo posto tra i testi di nonfiction che compongono la lista degli 88 “Books that shaped America”, e lo storico Ernest Kurtz – che ha scritto un libro sulla spiritualità para-religiosa di Alcolisti anonimi – l’ha definito «il più importante manoscritto di nonfiction della storia». Oggi il Big Book sta per andare all’asta, e l’associazione di lotta all’alcolismo non ha gradito.

Schermata 2017-05-25 alle 14.47.57

La prima copia del manuale in 12 punti di lotta all’alcolismo, diffuso in milioni di copie intorno al mondo e riadattato a diversi tipi di dipendenze, è stimata valere tra i 2 e i 3 milioni di dollari. Il suo attuale possessore si chiama Ken Roberts, e l’ha ottenuta a un’asta di Sotheby’s di dieci anni fa, pagandola 850 mila dollari. Alcoholics Anonymous World Services (Aaws), la branca nordamericana dell’organizzazione, l’ha citato in giudizio, insieme con i banditori d’asta Profiles in History e la galleria newyorkese Questroyal Fine Arts, che aveva di recente esposto il Grande libro.

L’organizzazione ha fatto sapere: «Iniziare cause legali non è ciò a cui Aaws solitamente si dedica, dato che concentra le sue energie sul servire l’associazione e le persone che soffrono ancora per colpa dell’alcol. Ma forse in modo anche più significativo, il fatto evitare ogni controversia sia un principio fondativo di Aaws sottolinea quanto le attuali circostanze di una vendita pubblica del manoscritto costituiscano una minaccia per la sua storia e la sua missione». Aaws sostiene di avere una lettera autenticata del 1979 di Barry Leach, amico della vedova di Bill Wilson – storico fondatore del gruppo negli anni Trenta – che attesta la sua proprietà di un’opera di interesse storico che non sarebbe mai dovuta finire sul mercato.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg