Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Chi sono i 13 finalisti del Man Booker International prize

Nella lista dei finalisti del premio per i migliori autori internazionali tradotti in inglese, ci sono due scrittori che hanno già vinto le precedenti edizioni. La più conosciuta è Han Kang, che nel 2016 raggiunse il primo posto con il suo romanzo La vegetariana, di cui si parlò molto anche da noi (qui la nostra intervista), portandosi a casa 50 mila dollari. Ma in gara c’è anche lo scrittore ungherese László Krasznahorkai, che nel 2015 ricevette 60 mila dollari (sì, la cifra è diminuita) grazie a capolavori come Satantango (1985) e The Melancholy of Resistant (1989), da cui il regista Béla Tarr ha tratto due film.

Questa volta Han gareggia con The White Book, in cui racconta della morte della sua sorellina di soli due anni di vita, mentre Krasznahorkai (si dice, in attesa del Nobel), partecipa con The World Goes On, una serie di storie raccontate da un enigmatico narratore. La giuria, capitanata da Lisa Appignanesi, ha giudicato 108 libri, scegliendone soltanto 13. «È una vera cornucopia», ha detto Appignanesi al Guardian, parlando della lista, che comprende scrittori famosi così come autori meno conosciuti. Da notare il fatto che più della metà dei libri selezionati sono pubblicati con case editrici indipendenti. Ecco i 13 titoli finalisti, molti dei quali già disponibili anche in italiano:

Laurent Binet, The 7th Function of Language (La settima funzione del linguaggio, La nave di Teseo, in libreria dal 22 marzo)
Javier Cercas, The Impostor (L’impostore, Guanda)
Virginie Despentes, Vernon Subutex 1
Jenny Erpenbeck, Go, Went, Gone (Voci del verbo andare, Sellerio, traduzione di Ada Vigliani)
Han Kang, The White Book
Ariana Harwicz, Die, My Love
László Krasznahorkai, The World Goes On
Antonio Muñoz Molina, Like a Fading Shadow
Christoph Ransmayr, The Flying Mountain
Jonathan Wright, Frankenstein in Baghdad (Frankenstein a Baghdad, edizioni e/o, traduzione di Barbara Teresi)
Olga Tokarczuk, Flights by
Wu Ming-Yi, The Stolen Bicycle
Gabriela Ybarra, The Dinner Guest

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg