Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Come ringraziare i pompieri che hanno salvato la vita a 18 maialini

La Bbc lo ha definito, con un umorismo forse più macabro che British, un «finale appropriato». Lo scorso febbraio i vigili del fuoco di Pewsey, una cittadina dell’Inghilterra sud-occidentale, avevano salvato diciotto maialini da un incendio che era divampato nella fattoria. A sei mesi distanza, la proprietaria della tenuta ha inviato un pacchetto per ringraziarli: conteneva alcune salsicce, fatte con alcuni di quei porcellini. Commossi, i pompieri hanno organizzato un barbecue, commentando su Facebook «Abbiamo ricevuto i frutti del nostro lavoro di quella notte di febbraio».

Com’era prevedibile, l’ironia (o, come potrebbe fare notare qualcuno, la surrealtà) della vicenda ha attirato l’attenzione dei media: la storia è finita sul Guardian, sul Washington Post, oltre che sulla stessa Bbc. Stando a quanto riporta il quotidiano inglese, l’allevatrice, una donna di nome Rachel Rivers, aveva promesso fin dall’inizio ai pompieri che avrebbe inviato loro alcune delle salsicce prodotte con i porcellini, allevati in modo biologico.

Tuttavia, si legge sui vari media, il gesto della donna e l’entusiasmo con cui i vigili del fuoco l’hanno accettato hanno provocato qualche reazione critica da parte degli animalisti: che senso aveva salvare le vite dei cuccioli, se poi li si è fatti alla griglia? «È questo che noi facciamo: non siamo un santuario per gli animali», si è difesa l’allevatrice. «Diamo ai nostri maiali la migliore opportunità di vita, per sei mesi».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg