Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La scultura da 800 mila dollari distrutta da un selfie

“Infinity Mirrored Room — All the Eternal Love I Have for the Pumpkins” è il titolo di un’installazione che fa parte di una mostra dell’artista Yayoi Kusama al Hirshhorn Museum di Washington, in cui una serie di zucche a pois illuminate riempie un piccolo spazio. L’esibizione è composta di diverse piccole stanze di questo tipo, arredate con pattern di colori, e per questo motivo definita «the ultimate Instagram exhibit» dal New York. Proprio il suo carattere social-friendly, però, potrebbe essere risultato fatale all’opera d’arte: il sito Hyperallergenic riporta che un visitatore ha accidentalmente calpestato una delle zucche, sembra nell’atto di scattarsi un selfie, distruggendo l’installazione.

Non ci sono conferme ufficiali riguardanti l’accaduto da parte dell’istituzione museale: nessun addetto alla sicurezza era presente nella stanza al momento dell’incidente, dato che l’installazione ospita tre persone per volta, per trenta secondi. Il calcolo in termini economici del danno arrecato, però, è impressionante: una scultura simile, nota il sito specializzato Artnet, era stata venduta per 800 mila dollari nel 2015.

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg