Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Possiamo finalmente dire addio ai Captcha

«Non sono un robot»: l’autocertificazione di umanità tramite click su quadratino è diventata una delle procedure più consuete e quotidiane di internet, da quando – era il 2013 – Google ha aggiornato reCaptcha, il software in grado di difendere i siti web dai bot tipicamente impegnati in operazioni di spam seriale, di cui era proprietario fin dal 2009. Oggi, quattro anni dopo, arriva Invisibile Captcha, un nuovo sistema capace di distinguere umani da bot in automatico analizzando l’attività degli utenti, senza che essi facciano nulla di particolare.

re

In un video promozionale, Google spiega: «Per potenziare questi avanzamenti tecnologici c’è bisogno di un misto di intelligenza artificiale e analisi avanzata dei rischi per rispondere a nuove minacce». In realtà, il ritorno dei Captcha per i piani di business di Google non è così immediato: quando l’ha acquisito inizialmente il suo obiettivo era digitalizzare più agevolmente la sua sezione Books, ma ora perché continua a svilupparlo? Shuman Ghosemajumder, un ex impiegato di Big G intervistato da Popular Science, ha in parte risposto dichiarando: «Google generalmente crede che ciò che è buono per internet, è buono per Google».

Per quanto riguarda il funzionamento del nuovo Invisible Captcha, è opportuno notare che, quando gli utenti sono loggati nei loro account Google, la società di Mountain View registra la loro attività: in questo modo può stabilire con efficacia che si tratta di esseri umani intenti a cercare informazioni o servizi, non bot impegnati a spammare vendite di viagra in offerta speciale.

Immagine in evidenza e nel testo via Gizmodo
54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg