Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Internet ha iniziato a litigare sull’identità sessuale di Garfield

«Garfield è pigro; Garfield è un gatto; a Garfield piacciono le lasagne. C’è davvero molto altro da dire su Garfield?». Il Washington Post se lo chiede per commentare uno dei flame più efferati sulla versione di Wikipedia in lingua inglese che si ricordino: la settimana scorsa i responsabili dell’enciclopedia hanno dovuto bloccare le modifiche alla pagina del popolare personaggio dei fumetti creato da Jim Davis sul finire degli anni Settanta.

Per sessanta ore consecutive, gli editor di Wikipedia hanno battagliato sul genere sessuale del gatto, che è passato da «male» a indefinito a intervalli di pochi minuti. Uno degli utenti intervenuti ha scritto: «Garfield poteva essere un maschio nel 1981, ma oggi non lo è». Il dibattito non è rimasto all’interno dei confini di Wikipedia: sul sito del gruppo News Corp Heat Street, un autore ha firmato un j’accuse contro i «marxisti culturali» colpevoli di «aver reso uno dei maschi più iconici della cultura pop un abominio gender fluid».

Garfield the Cat floats down Broadway du

La querelle nasce da un’intervista rilasciata da Jim Davis a Mental Floss due anni fa, o meglio da un passaggio che finora era rimasto semi-ignorato e considerato innocuo, in cui il disegnatore dice: «Garfield è universale. Essendo un gatto, non è davvero maschio o femmina, di una particolare razza o nazionalità, vecchio o giovane». La settimana scorsa, tuttavia, l’autore satirico Virgil Texas ha riesumato l’articolo e ha annunciato al mondo di aver editato la pagina Wikipedia di Garfield in ossequio alle parole del suo creatore. Poi, nell’ordine, un altro editor ha riaggiunto «male», e un minuto dopo qualcuno dalle Filippine ha riportato Garfield a un’identità sessuale fluida. Qualcuno ha scritto che nelle strisce a fumetti «ogni personaggio si riferisce sempre a Garfield al maschile, e usa sempre pronomi maschili», corredando l’intervento di una quarantina di storie. Quando la disputa è finita su Twitter, una persona ha fatto notare che il testo dell’intervista originale è una contraddizione in termini: Davis dice «he is not really male or female», usando il maschile; un’altra ha ipotizzato che nel mondo felino il gender non conti nulla, commentando «it’s beautiful».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg