Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il primo coming out nella storia di Disney Channel

La serie tv di Disney Channel Andi Mack sarà la prima nella storia del canale televisivo per ragazzini ad avere un personaggio gay che fa coming-out. Il creatore della serie è lo stesso della celebre Lizzie McGuire, Terri Minsky. Protagonista della serie è Andi, una ragazza di 13 anni (Petyon Elizabeth Lee). È il suo amico Cyrus (Joshua Rush) a dichiarare la sua sessualità all’inizio della seconda stagione. Non è il primo personaggio gay in assoluto nella storia Disney: nella recente nuova versione di La bella e la bestia, compare un Le Tont apertamente gay, e la serie animata Marco e Star contro le forze del male, andata in onda su Disney Channel nel 2015, è stata la prima del canale a ospitare la scena di un bacio tra due persone dello stesso stesso. Ma Andi Mack, che dal suo debutto ad aprile è diventata una delle maggiori hit del canale, è la prima serie a far ruotare la trama intorno al coming-out di uno dei personaggi principali.

La storia di Cyrus non è la prima mossa rivoluzionaria messa in atto dal team di Andi Mack. Nell’episodio pilota, Andi apprende che sua sorella maggiore, Bex, è in realtà la sua madre biologica. Un colpo di scena rilevante e abbastanza inusuale, per uno show pensato per spettatori dodicenni. «Andi Mack è la storia di un gruppo di giovani che cercano di capire chi sono», ha dichiarato Disney Channel. «Tutte le persone coinvolte nello show si sono occupate di offrire contenuti appropriati all’età degli spettatori e di fare in modo di trasmettere un messaggio potente di inclusione e rispetto». La trama della seconda stagione si è meritata le lodi dell’organizzazione di monitoraggio dei media GLAAD (Gay & Lesbian Alliance Against Defamation) che ha dichiarato: «sempre più giovani dichiarano di essere LGBTQ. Andi Mack riflette le vite e le esperienze reali di tutti i giovani LGBTQ del paese. La tv rispecchia la vita vera, e questi giovani meritano di vedere le loro storie raccontate nei loro programmi favoriti».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg