Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

La maggior parte degli uragani nasce nello stesso punto

Nelle ultime ore, Irma, l’uragano che ha colpito i Caraibi e gli Stati Uniti, è stato declassato alla categoria uno, perdendo in intensità dopo essersi scaricato sulla terraferma. Secondo gli esperti si sposterà dal nord della Florida alla Georgia, con effetti che saranno avvertiti anche negli stati vicini (Tennessee, Alabama, South Carolina).

Come mostra un video di Science Insider (che potete vedere qui sotto), il viaggio di Irma verso la Florida parte dall’Africa, in un punto della costa orientale vicino Capo Verde, dove nascono la maggior degli uragani che colpiscono l’America. Qui si sprigiona un forte vento per l’incontro di due climi opposti: l’aria secca e calda, proveniente dal deserto del Sahara, e l’aria umida, più fredda, che arriva invece da sud. Quando viaggiano sopra l’Atlantico, i venti sollevano colonne di vapore caldo e umido, che generano una tempesta facendo ruotare rapidamente le correnti d’aria. L’uragano (che può arrivare fino alla categoria cinque, quella più devastante) arriva quindi in America lungo due traiettorie: o passando sopra i Caraibi, fino alla costa est degli Stati Uniti, o attraversando il Messico, verso le Hawai.

Irma  ha lasciato una scia di distruzione, provocando 28 morti nelle isole caraibiche e tre (ancora da confermare) in Florida. Sono invece 4 milioni le persone senza corrente elettrica e 6,3 quelle che le autorità hanno fatto evacuare per ragioni di sicurezza.

 

foto Getty.

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg