Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Nella città di Twin Peaks ci sono stati veramente omicidi misteriosi

Twin Peaks, la serie di Mark Frost e David Lynch che sta per tornare con una terza stagione a quasi trent’anni dalla prima, è ambientata in una omonima cittadina (inventata) nello Stato di Washington, nel Nord della Costa Occidentale: tutti, infatti, abbiamo in mente il cartello “Benvenuti a Twin Peaks, 51 mila abitanti” che compare durante la sigla. Anche se la città di Twin Peaks non esiste, gran parte della serie è stata realmente filmata nella zona geografica dove è ambientata, cioè in piccoli centri abitati nella foreste dello Stato di Washington. In particolare, sono state utilizzate come set tre cittadine, Snoqualmie, North Bend e Fall City, tutte nella Contea di King, la stessa di Seattle: per una coincidenza, si tratta di una zona per nulla estranea agli omicidi misteriosi, come ha notato un recente articolo del Guardian.

«Il corpo di Laura Palmer non è stato il primo a essere scoperto nella regione, e certamente non sarà l’ultimo», scrive il quotidiano britannico. Uno dei più notori serial killer infatti ha seppellito almeno cinque delle sue vittime tra Snoqualmie e North Bend, due delle tre cittadine dove Twin Peaks è stato girato: Gary L Ridgway, che di mestiere verniciava camion, uccideva donne ai margini della società, e prima di essere stato identificato era soprannominato dai media “il killer del Green River”, perché gettò i corpi delle sue prime vittime nel fiume dello Utah. Si stima che Ridgway abbia commesso fino a 70 omicidi tra gli anni Ottanta e pi primi anni Duemila, quando è stato arrestato.

Nella valle di Snoqualmie, una popolare destinazione per le escursioni, capita spesso di trovare corpi senza vita, hanno raccontato rappresentanti delle polizia locale, aggiungendo che molti casi restano irrisolti: «Alcuni sono escursionisti vittime di incidenti, altri suicidi e altri ancora vittime di omicidi». La sovrarappresentazione dei cadaveri in questa area, hanno aggiunto, non è casuale e si spiega con la vicinanza a una grande città dove, si presume, avvengano tanti omicidi: «La zona di Seattle è densamente popolata, e se uno ci pensa questa è l’area vuota più vicina».

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg