Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Studio!

Attualità Cultura Stili di Vita

Seguici anche su

+60k
+16k
+2k
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Cosa succede alla creatività quando si cresce?

La creatività è la capacità produttiva della fantasia o della ragione di creare associazioni inedite e sorprendenti, inventare nuove soluzioni o ideare nuovi problemi da risolvere. C’è chi nasce con uno spirito fortemente creativo e chi un po’ meno, chi diventa geniale grazie ad anni di letture, viaggi, passioni, ossessioni. Basta trascorrere un pomeriggio con dei bambini per capire che, nella maggior parte dei casi, durante l’infanzia, la mente raggiunge picchi di creatività altissimi. Libere associazioni, idee strampalate, spassosi malintesi, affermazioni geniali: quando queste doti creative del ragionamento iniziano a diminuire?

Sul New York Times vengono riportate le conclusioni di uno studio condotto da un gruppo di scienziati che ha analizzato “I cambiamenti della capacità cognitiva e della ricerca di ipotesi nella storia della vita umana, dall’infanzia all’adolescenza all’età adulta”, articolo pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences. Il risultato degli esperimenti è che, effettivamente, con l’aumentare dell’età la capacità di pensare creativamente sembrerebbe diminuire. Quali potrebbero essere le ragioni? “Crescendo, impariamo e sappiamo sempre più cose”, spiegano gli scienziati. “Il che non è solo un vantaggio: può guidarci a ignorare le prove che contraddicono quello che pensiamo già.”

Gli scienziati individuano due tipi di pensiero che vengono definiti explorationexploitation (esplorazione e sfruttamento). Quando fronteggiamo un nuovo problema, noi adulti siamo soliti sfruttare la conoscenza che abbiamo acquisito fino a quel momento, cercando di risolverlo nel più breve tempo possibile con i mezzi a nostra disposizione. I bambini, invece, sono guidati dall’esplorazione: un rischio che può comportare fallimento e perdita di tempo, ma anche la possibilità di valutare soluzioni inusuali, non basate sull’esperienza. Il calo della capacità di formulare ipotesi creative di fronte a meccanismi dei quali non si conosce il funzionamento si verifica durante l’adolescenza: il dato interessante, che ha entusiasmato gli scienziati, è che gli adolescenti si rivelano molto più fantasiosi e inventivi se posti di fronte a problematiche sociali, battendo sia i risultati dei bambini che quelli degli adulti.

 

Fotografia Getty Images

 

54da1fe3c06675ff4ccfe97c_undici-logo-white.jpg